Now Reading
Italia, l’occasione sprecata del turismo LGBTQI+

Italia, l’occasione sprecata del turismo LGBTQI+

Simone Bellin

Le bellezze artistiche, le esperienze culturali e i paesaggi suggestivi. Per questa serie di motivi l’Italia è da sempre stato un luogo ambito dove trascorrere le proprie vacanze, e non faceva eccezione la comunità LGBTQI+. Fin dai secoli passati, grazie alle iniziative del “Grand Tour”, che conducevano i grandi letterati e le classi dirigenti di Francia e Inghilterra nel sud dell’Europa alla scoperta delle bellezze del Mediterraneo. Le motivazioni di questi viaggi-studio avevano sì carattere artistico-culturale, ma anche (e più spiccatamente) sociologico, puntando alla scoperta di nuove civiltà e nuovi usi e costumi.

Il Mediterraneo diventò così la meta prediletta dai “peccatori di una certa specie”, citando le parole con cui lo scrittore inglese William Beckford definiva gli omosessuali, con Taormina, Catania, Napoli – per citare solo alcuni degli scenari del sud Italia, dalle atmosfere vagamente mitologiche – che furono patria dell’omoerotismo fino agli anni Cinquanta del Novecento.

Successivamente il turismo LGBTQI+ arrivò a espandere i propri confini ai grandi centri urbani di America ed Europa, portando alla nascita delle cosiddette gay tourist destinations. Una tendenza correlata al fatto che, a partire dagli anni Settanta e Ottanta, soprattutto in America, le persone gay tendevano a non nascondere più il loro orientamento sessuale, passando dal closet al coming out.

Ma cosa rappresenta oggi il turismo LGBTQI+ in Italia? Se il fatturato mondiale generato da questo preciso segmento si aggira attorno ai 221 miliardi di dollari, l’Italia si limita a un giro di affari di “soli” 2.7 miliardi di euro. Il fatturato annuo generato rappresenta circa il 7% di quello complessivo, mentre nel resto del mondo è pari a circa il 10%. Sono, infatti, ancora poche le strutture turistiche tailor-made, così come le destinazioni, perlopiù circoscritte (Milano, Roma, Gallipoli, Versilia con il suo FriendlyVersilia).

See Also
See Also

Come se non bastasse, la percezione da parte dei turisti, in termini di apertura e accoglienza, è tutt’altro che positiva, e racconta di una Italia conservatrice ancora poco aperta nei riguardi della comunità LGBTQI+ che, non a caso, preferisce emigrare altrove. Mykonos, Barcellona e Ibiza in primis, ma anche Gran Canaria, San Francisco e Tel Aviv. Un vero peccato, considerando anche solo l’elevato potenziale economico del viaggiatore LGBTQI+, definito DINK (Double Incomes No Kids), sia trend-setter che high spender.

What's Your Reaction?
Excited
2
Happy
1
In Love
4
Not Sure
0
Silly
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2020 Queer Magazine

Scroll To Top